Il Peperoncino di Gerace

Gerace tra tradizione cultura
23 Novembre 2019
Carciofini selvatici
24 Marzo 2020
Show all

Il Peperoncino di Gerace

Peperoncino piccante

Chi non ha mai sentito parlare del peperoncino calabrese?

Peperoncino di Gerace-produzione estate 2019

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sicuramente tutti o, comunque, un gran parte della popolazione italiana!!
Il peperoncino è una pianta (e frutto) appartenente al genere Capsicum (lo stesso dei peperoni dolci) della famiglia delle Solanacee. Secondo alcuni, il nome latino “Capsicum” deriva da “capsa”, che significa scatola, e deve il nome alla particolare forma del frutto che ricorda proprio una scatola con dentro i semi. Altri invece lo fanno derivare dal greco kapto che significa mordere, con evidente riferimento al piccante che “morde” la lingua quando si mangia.

Storia
Il peperoncino piccante era usato come alimento fin da tempi antichissimi. Dalla testimonianza di reperti archeologici sappiamo che già nel 5.500 a.C. era conosciuto in Messico, presente in quelle zone come pianta coltivata, ed era la sola spezia usata dagli indiani del Cile e del Messico. In Europa il peperoncino è arrivato con Cristoforo Colombo che l’ha portato dalle Americhe col suo secondo viaggio, nel 1493.
Introdotto quindi in Europa dagli Spagnoli, ebbe un immediato successo, ma i guadagni che la Spagna si aspettava dal commercio di tale frutto (come quello di altre spezie orientali) furono deludenti, poiché il peperoncino si acclimatò benissimo nel vecchio continente, diffondendosi in tutte le regioni meridionali, in Africa ed in Asia, e venne così adottato come spezia anche da quella parte della popolazione che non poteva permettersi l’acquisto di cannella, noce moscata ecc.
Il frutto venne così chiamato a causa della somiglianza nel gusto (sebbene non nell’aspetto), con il pepe. Il nome con il quale era chiamato in tutto il nuovo mondo era “chili” e così è rimasto.

Piccantezza
La sostanza principale artefice della piccantezza è l’alcaloide capsaicina (8-metil-N-vanillil-6-nonenamide o C18H27NO3), insieme ad altre 4 sostanze correlate, chiamate collettivamente capsaicinoidi. Ogni capsacinoide ha un effetto diverso nella bocca, e una variazione nelle proporzioni di queste sostanze determina le diverse sensazioni prodotte dalle diverse varietà, oltre al loro contenuto. La capsaicina provoca dolore e infiammazioni se consumata in eccesso, e può addirittura bruciare la pelle, se a contatto con alte concentrazioni (i peperoncini habanero, ad esmpio, sono raccolti con i guanti). Rappresenta anche l’ingrediente principale nello spray al pepe, usato come “arma non letale”.

Produzione e Raccolta

La lavorazione del peperoncino ha inizio verso Aprile-Maggio con la lavorazione e la preparazione del terreno che poi servirà per la semina o, in alcuni casi, direttamente con la piantagione della piantina di peperoncino.

Terreno appena lavorato

La sua raccolta avviene generalmente durante tutto il periodo estivo e arrivando, a volte, a raccogliere gli ultimi peperoncini anche a settembre inoltrato.

La raccolta da seguito alla lavorazione dello stesso frutto e dipende dal tipo di prodotto finito che si intende realizzare!!  Qui il peperoncino viene lavorato per ottenere diversi prodotti che poi vengono destinati al nostro mercato di riferimento. Un prodotto molto ricercato dai nostri clienti è la marmellata di peperoncino che è una tipica preparazione calabrese, dove il peperoncino è di casa e la gastronomia locale se ne avvale ampiamente per innumerevoli ricette. Per realizzare la marmellata di peperoncini piccanti si utilizzano anche i peperoni per dare corpo alla marmellata e stemperare il gusto piccante che altrimenti risulterebbe troppo concentrato!!!

Marmellata e Formaggi- Abbinamenti

Gustate la vostra marmellata di peperoncini piccanti accompagnandola con un tagliere di formaggi misti: come la ricotta fresca o affumicata, la robiola o i formaggi più cremosi e morbidi a pasta molle, come il Quark, che smorzano in parte la piccantezza senza togliere il gusto; oppure scegliete formaggi stagionati come per esempio il Pecorino, indicato per i più audaci, amanti dei sapori intensi.

Tuttavia gli usi e i prodotti su questo alimento tipico della cucina calabrese è vario; se vuoi avere maggiori informazioni ed essere aggiornato sulla nostra produzione compila il forum e iscriviti alla nostra news letter.

 

Accetto che i miei dati vengano gestiti secondo la normativa GDPR 2016/679

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *